Kintsugi, l'arte di riparare le fratture

Dietro all'arte giapponese del kintsugi risiede una vera e propria filosofia che ci invita ad accettare le fratture o le ferite e a ripararle per renderle più belle e forti.

Il kintsugi, l'arte di abbracciare le imperfezioni

Kintsugi significa letteralmente "riparare con l'oro". Si tratta di una pratica che consiste nel rimettere insieme i pezzi di ceramica rotti con della resina e di ricoprirli in seguito con un sottile strato di oro. Il kintsugi richiede una certa abilità manuale e un minimo di concentrazione. Sebbene esistano artisti del kintsugi che portano quest'arte a un livello superiore, si tratta di un'attività accessibile a tutti.

Il kintsugi è soprattutto una filosofia: quando maneggi i pezzi danneggiati del tuo piatto o della tua ciotola per rincollarli, quello che fai in realtà è abbracciare questa filosofia. Quello che il kintsugi insegna è che nulla è eterno, nulla dura e che è normale che le cose di cui siamo circondati nella nostra vita, tangibili o meno, un giorno, si "spezzeranno".

Ma rottura non significa fine. Con il kintsugi, capirai che dedicare un pò di energia e di cuore a rincollare i frammenti consente di ridare vita a qualcosa, rendendola ancora più bella di prima. 


Il kintsugi, un'estensione del concetto giapponese di wabi-sabi

Il kintsugi insegna ad accettare le imperfezioni (degli altri, le proprie, del mondo) e le fragilità. Invece di nascondere le crepe e di renderle invisibili, queste vengono messe in evidenza con il materiale più nobile che esista, l'oro. La filosofia e l'estetica alla base del kintsugi sembrano essere lontane dai nostri criteri occidentali e delle nostre società moderne che preferiscono la perfezione, la giovinezza, la continuità.

Ma in Giappone, la bellezza dell'imperfezione viene valorizzata da tanto tempo con il concetto di wabi-sabi, che emerge in Giappone nel XIV secolo, ed è strettamente legato al buddismo e all'arte del té. "Wabi-sabi è la bellezza delle cose imperfette, impermanenti e incomplete. È la bellezza delle cose modeste e umili, è la bellezza delle cose atipiche.” (Leonard Koren). 

 

Un'introduzione all'arte del Kintsugi

È opinione comune che il kintsugi sia una forma d'arte che richiede molto tempo e un'attività artigianale complessa. Tuttavia, abbiamo una buona notizia per chi desidera sperimentare il kintsugi ma non ha le risorse per intraprendere un progetto di riparazione completo. Offriamo laboratori di scoperta del kintsugi, dove potrete imparare la parte più interessante della riparazione del kintsugi: la spolverata di polvere d'oro.

Si preparano piatti o poggiabacchette già riparati e si applica un rivestimento d'oro sulle loro cicatrici. Una volta che l'oggetto spolverato d'oro si sarà indurito, potrete portarlo a casa (potete ritirare l'oggetto presso lo studio o farvelo spedire al vostro indirizzo - le spese postali non sono incluse per le spedizioni internazionali).

Politica di cancellazione:

Da 10 giorni a 7 giorni prima: 15 %.

Da 6 giorni a 4 giorni prima: 40 %.

Da 3 giorni prima della data del tour: 100%.

* L'italiano e il tedesco non fanno purtroppo parte delle lingue previste per questa visita, ti proponiamo di seguirla in inglese.

Ubicazione


Kintsugi, l'arte di riparare le fratture

41 € a persona

Comments