La Galleria Kaikai Kiki カイカイキキギャラリー

  • Pubblicato il : 05/01/2018
  • Per : O.D.
  • Nota :
    2/5

Planète néo-pop

C’est un lieu emblématique de la scène artistique tokyoïte. Takashi Murakami a choisi le quartier de Motoazabu, près de Roppongi, le quartier des musées, pour implanter sa galerie KaiKai Kiki.

La fabbrica Murakami

Prima la galleria Kaikai Kiki aveva il nome della società fondata nel 1996 dall'artista giapponese Takashi Murakami come Hiropon Factory.

"A quel tempo, spiega l'artista, la fabbrica non era altro che un piccolo gruppo di persone che mi hanno aiutato nella creazione di sculture e quadri."

E 'stato nel 2001 che questo laboratorio di produzione, in gran parte ispirato da Andy Warhol divento' un vero e proprio business con il nome di "Kaikai Kiki Co. Ltd".

La produzione di larga scala e la gestione di opere d'arte attraverso la vendita di strumenti derivati ha permesso alla società di assumere un centinaio di persone a Tokyo e a New York.

Leggi anche: Galleria Perrotin si trasferisce a Tokyo

Vedere : La cultura pop in Giappone

"In artisti esperti" neo-pop "come Takashi Murakami e Yoshitomo Nara riflettono l'ansia che ha seguito la fine della bolla economica degli anni 1980", dice Yuko Hasegawa, direttore artistico del Museo d'Arte Contemporanea di Tokyo e curatore Japanorama del Centre Pompidou-Metz.

"Forniscono un discorso che, al di là della apparente chiarezza didattica delle loro opere sfida il modello socio-politico ed ecologico del Giappone."


Indirizzo - orario - accesso

Tutti nostre case

, Tokyo

  • 29m
  • 2 persone
  • Wi-Fi

, Tokyo

  • 44m
  • 4 persone
  • Wi-Fi

, Tokyo

  • 57m
  • 5 persone
  • Wi-Fi

, Tokyo

  • 62m
  • 5 persone
  • Wi-Fi

, Tokyo

  • 98m
  • 7 persone
  • Wi-Fi
Tutti nostre case (5)

Tutti nostre attività

  • Durata : 2 hour
  • Location : Toshima City
  • Durata : 1 hour
  • Location : Chuo City
  • Durata : 3 hour
  • Location : Mitaka
Scopri i nostre attività (105)

Ultimi Articoli

L'architettura esterna del Museo Edo Tokyo contrasta con la storia che contiene.

Museo Edo-Tokyo

Quello del museo d’Edo-Tokyo, inaugurato nel 1993, è uncontrasto stupefacente tra l'edificio contemporaneo e i suoi interni, chemettono in scena la Tokyo di una volta.

La grande sala del Museo d'arte Suntory, nel Palace Building di Akasaka.

Museo d'arte Suntory

Dall’esterno l’edificio sembra trasparente.

Con 14 000m ², il Centro nazionale d'arte di Tokyo è il più grande museo del Giappone.

Centro Nazionale d'Arte di Tokyo

Il Centro nazionale d’Arte di Tokyo punta sul gigantismo e sulleesposizioni temporanee.

Vedi gli articoli (19)

Commenti

Valuta il contenuto

Tuo commento